Consulenza aziendale e manageriale

Consulenza Creativa di Impresa

Un'idea che non sia pericolosa non merita affatto di essere chiamata idea

Oscar Wilde
Immagine
 LOGO CHUPA CHUPS... di Novella Fabbri

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Massimo Vasi (del 15/03/2012 @ 10:39:18, in NOTIZIE DI CONSULENZA IN EVIDENZA, linkato 37943 volte)

Lo scorso 28 febbraio il Ministero dell’Economia e delle Finanze, il Ministero dello Sviluppo Economico, l’ABI e le altre Associazioni di rappresentanza delle imprese hanno sottoscritto un accordo che mira ad assicurare la disponibilità di adeguate risorse finanziarie alle piccole e medie imprese (PMI) che, pur registrando tensioni sul fronte della liquidità, presentano comunque prospettive economiche positive, creando così le condizioni per il superamento dell’attuale congiuntura negativa ed una maggiore facilità nel traghettarle verso un’auspicata inversione del ciclo economico.

L’accordo prevede, in particolare, i seguenti interventi:

        i.            sospensione per 12 mesi della quota capitale delle rate di mutuo, anche se perfezionato tramite il rilascio di cambiali;

      ii.            sospensione per 12 ovvero per 6 mesi della quota capitale dei canoni di operazioni di leasing, rispettivamente immobiliare o mobiliare;

    iii.            allungamento della durata dei mutui per un massimo del l00% della durata residua del piano di ammortamento e comunque non oltre 2 anni per i mutui chirografari e a 3 anni per quelli ipotecari;

   iv.            allungamento fino a 270 giorni delle scadenze delle anticipazioni bancarie su crediti per i quali si siano registrati insoluti di pagamento;

     v.            allungamento per un massimo di 120 giorni delle scadenze del credito agrario di conduzione ex art. 43 del TUB.


Possono richiedere l’attivazione degli strumenti previsti dall’accordo, le PMI, così come definite dalla normativa comunitaria, operanti in Italia, che al momento di presentazione della domanda non abbiano posizioni debitorie classificate dalla banca come "sofferenze", "partite incagliate", "esposizioni ristrutturate" o "esposizioni scadute/sconfinanti" da oltre 90 giorni, né procedure esecutive in corso (imprese “in bonis”).

La banca nell’effettuare l’istruttoria si dovrà attenere al principio di sana e prudente gestione, nel rispetto delle proprie procedure. Di norma entro trenta giorni lavorativi dalla presentazione della domanda, completa delle informazioni eventualmente richieste, sarà comunque tenuta a fornire una risposta alla impresa richiedente.

Alle PMI non saranno addebitate spese e altri oneri aggiuntivi rispetto a quelli eventualmente sostenuti dalla banca nei confronti di terzi ai fini della realizzazione delle operazioni di sospensione o allungamento, e dei quali la stessa banca si impegna a dare adeguata evidenza.

Le richieste per l'attivazione degli strumenti descritti nel presente accordo non potranno riguardare finanziamenti che hanno già beneficiato di analoghe facilitazioni. Sono tuttavia ammissibili alla richiesta di allungamento anche i mutui che siano già stati sospesi ai sensi dell’Avviso Comune ovvero del presente accordo. In tal caso, l'impresa potrà richiedere l'allungamento solo al termine del periodo di sospensione.

Le richieste per l'attivazione degli strumenti descritti nel presente accordo potranno essere presentate dalle imprese entro il 31 dicembre 2012, utilizzando il modulo predisposto dalle singole banche sulla base del modello elaborato dall’ABI.

In linea con le previsioni dell’Avviso comune e dell’Accordo sul credito alle PMI, anche alla luce delle nuove agevolazioni fiscali previste dal decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201 per le imprese che avviano processi di rafforzamento patrimoniale, le banche che aderiranno all’accordo si impegnano a concedere alle imprese finanziamenti di ammontare proporzionale all'aumento dei mezzi propri realizzati dall’impresa.

 

CHIAMATECI PER ULTERIORI SPECIFICHE E PER UN SUPPORTO GRATUITO ALL’ADESIONE A QUESTA GRANDE OPPORTUNITA’
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Novella Fabbri (del 14/03/2012 @ 12:25:23, in NOTIZIE DI CONSULENZA IN EVIDENZA, linkato 35617 volte)

  Come anticipato nello scorso comunicato stampa, ricco e stimolante si presenta il programma dell’evento  “ Sono piccola ma, penso in grande_ Strumenti ed esperienze per superare la crisi”  che si terrà il prossimo


VENERDI’30 MARZO ore 17.30 – GALLERIA GARIBALDI – CIVITAVECCHIA


- Benvenuto dell’On.Pietro Tidei, Candidato Sindaco Comune di Civitavecchia


- Intervento gruppo AB Manager, Consulenza Aziendale, coadiuvato dal Dott. Simone Carmignani che verterà sui seguenti argomenti :
• Come migliorare l’interazione con i clienti per mantenere shares di mercato
• Come minimizzare i costi di gestione del cliente
• Come condividere le informazioni in modo efficiente e rapido nella mia azienda
• Affrontare la crisi con creatività utilizzando internet al meglio
• Valorizzare le informazioni e ingegnerizzare i processi per incrementare la performance competitiva ed economica
• Il check-up aziendale : uno strumento utile per verificare lo stato di salute dell’azienda
 

- Intervento del Dott. Enrico Leopardo, Candidato al Consiglio Comunale PD che si occuperà anche dell’intervista doppia agli imprenditori del luogo.
 

La prima azienda civitavecchiese che ha accolto l’invito a partecipare è SOLO BERE ITALIANO (www.solobereitaliano.it ).
Solo Bere Italiano nasce a Civitavecchia, grazie allo spirito imprenditoriale ed alla passione verso i prodotti esclusivamente Made in Italy di 7 giovani, di età compresa tra i 27 ed i 34 anni. Nel loro sito affermano che Solo Bere Italiano “non è semplicemente un brand, ma una filosofia di vita da diffondere tra giovani e meno giovani, tra aziende produttrici ed aziende operanti nel campo della ristorazione”.


Come non esser d’accordo con loro in un momento in cui il nostro amato Made in Italy viene continuamente bistrattato da prodotti di importazione ? Vi invito a visitare il loro sito o andarli a trovare in Largo Plebiscito 23 a Civitavecchia ed ovviamente di venire ad ascoltare il loro punto di vista nel corso dell’intervista doppia.


Rinnoviamo l’invito a partecipare a quello che si prospetta come un grande momento di incontro, dove consulenti aziendali esperti daranno il proprio contributo su argomenti di estrema importanza, imprenditori civitavecchiesi presenteranno la loro attività raccontando inizi, momenti aziendali particolari e la loro  crisi e l’On. Pietro Tidei, ci parlerà della Sua esperienza dal punto di vista prettamente locale.

Nei prossimi giorni comunicheremo il nome dell’altra azienda che parteciperà all’intervista doppia.

Informazioni e Contatti


AB Manager – Cell. 393 5719478 - n.fabbri@abmanager.it
La Nuova Officina – Cell. 340 4930716 – lanuovaofficina@gmail.com


M.Novella Fabbri

 


 

 


 

 


 

 


 


 


 


 

 


 

 


 

 


 

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Dopo Tarquinia, questa volta l’evento denominato “Sono piccola, ma penso in grande! Strumenti ed esperienze per superare la crisi“, si sposta a Civitavecchia.

Il gruppo AB Manager (www.abmanager.it) , contenitore di consulenza d’impresa e l’associazione politico-culturale “LA NUOVA OFFICINA”, hanno unito le forze e l’entusiasmo, per organizzare un incontro il cui scopo e' semplice ma ambizioso al tempo stesso: fornire nuove ed inedite sfumature, per restituire colore alle aziende.

 Il carattere formativo dell’appuntamento, intende evidenziare come la crisi paradossalmente possa  creare nuovi mercati e nuove opportunità di business per le PMI, a livello locale e nazionale.


Partendo dall’abstract  …  “2000 anni fa i cinesi hanno coniato l’ideogramma “crisi”, che si compone  di altri due: rischio e opportunità. Le aziende che hanno coraggio, che hanno una mente  sufficientemente aperta da vedere anche in questo momento economico una grande opportunità di  ridefinizione e riproposizione, hanno la possibilità di ottenere grandi successi.”, il gruppo AB  Manager coadiuvato da Simone Carmignani, affronterà la crisi partendo dal suo significato positivo, quello di opportunità, rivolgendosi ad  Imprenditori, Membri di Organizzazioni di sostegno alle imprese, Responsabili Politici e Cittadini.


Se il mercato è uno solo, come è possibile che non tutte le aziende vengono colpite ed affondate ?  Come mai alcune aziende riescono a cogliere le occasioni che si presentano loro ed altre no ? Lo spirito con cui è stato pensato l’incontro, è quello di dare un supporto concreto nell’affrontare questo periodo congiunturale in cui non solo si abusa della parola crisi ma, soprattutto, si tende ad utilizzarla sempre con una eccezione negativa, senza cogliere invece, quegli aspetti di opportunità che racchiude dentro di sé. 
 

La giornata si concluderà con una interessantissima “intervista doppia” tenuta da Enrico Leopardo de “La Nuova Officina” a due aziende made in Civitavecchia, durante la quale si parlerà degli inizi, dei momenti di sconforto, di motivazione, di crisi e di tanti altri importanti argomenti .
 

Ricco e stimolante il programma, che comunicheremo non appena sarà definitivo. Una anticipazione su tutte, la presenza dell’On. Pietro Tidei.


L’appuntamento è per
 

                                                  VENERDI’ 30 MARZO 2012 – ORE 17.30  - GALLERIA GARIBALDI 19 - CIVITAVECCHIA
 

Informazioni e Contatti
AB Manager – Cell. 393 5719478 - n.fabbri@abmanager.it
La Nuova Officina – Cell. 340 4930716 – lanuovaofficina@gmail.com


M.Novella Fabbri

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

L’e-mail è superata ? Assolutamente no. La posta elettronica è viva e vegeta ed è uno degli strumenti più utilizzati nel web marketing, assieme ai social network ed alle newsletter.


E’ quanto emerge dalla terza edizione europea dell’E-mail Marketing Consumer Report 2011, presentata nel corso del Forum della Comunicazione Digitale tenutosi a Milano.


La ricerca condotta da ContactLab, agenzia specializzata in soluzioni di e-mail e digital marketing ha analizzatoil rapporto che intercorre tra e-mail marketing, social network ed acquisti on line, studiando un campione di utenti web, pari a 157 milioni di persone, dislocate in Italia, Francia, Germania, Spagna e Regno Unito.

Italiani “newsletter dipendenti”- Particolarmente interessanti sono i dati relativi alle abitudini degli italiani, in prima fila per quanto riguarda l’utilizzo della posta elettronica. Ci sono ben 63 milioni di caselle di posta attive, cioè 2,5 a testa (rispetto alla popolazione attiva), 22 le e-mail ricevute ogni giorno per ogni indirizzo, con oltre 700 milioni di messaggi scambiati. A livello europeo, la situazione non è molto differente. Nei cinque Paesi (inclusa l'Italia) gli indirizzi di posta sono in totale 360 milioni, con un volume totale di e-mail che supera i 5 miliardi: ogni utente ne ha mediamente più di due, e non solo per separare lavoro da vita privata.


E qui si inserisce l’importanza delle newsletter. In che modo? Pensate che c’è un 7% di utenti che apre account di posta dedicati esclusivamente alla ricezione delle newsletter. Ogni utente è iscritto in media a 5 newsletter, ma in Italia il numero sale a ben 8. I domini di posta più utilizzati sono Hotmail (il 58% ne ha almeno una casella), seguito da Gmail (38%) e Yahoo (36%).

Quali sono gli argomenti più gettonati nelle newsletter? Al primo posto ci sono i viaggi e il tempo libero (38% di chi è iscritto ad almeno una newsletter, in Italia il 42%). Seguono le offerte di lavoro (33%), salute e benessere (32%), tecnologia e informazione di attualità. Iscriversi a una newsletter è molto semplice, ma altrettanto facile, per il 69% del campione, è chiedere la cancellazione del proprio indirizzo. Se si perde interesse per il contenuto della newsletter, il 36% la segnala come spam, mentre ben il 60% cancella i messaggi senza neanche aprirli.

La conversione all’acquisto- Positivo è anche il dato relativo alla conversione all'acquisto. Il 56% degli utenti intervistati ha effettuato un acquisto online partendo direttamente dal messaggio ricevuto in newsletter, percentuale che aumenta se l’e-mail conteneva offerte promozionali (63%) e se proveniva da gruppi di acquisto (Groupon, Letsbonus, etc.), a cui è iscritto un europeo su due.

E’ emerso che il 26 % degli utenti italiani si è registrato alle newsletter attraverso i form delle pagine fan su Facebook. Questo è un aspetto molto interessante che dimostra quanto ancora questo social network costituisca uno strumento essenziale per il business di tante aziende a caccia di nuovi potenziali clienti.

Devices mobili- Il nostro Paese è in prima fila anche per quanto riguarda l’utilizzo di devices mobili. In totale nei paesi analizzati, un utente internet su cinque consulta abitualmente la posta elettronica tramite dispositivi mobili, ma l’uso degli smartphone è un’abitudine tutta italiana: nel 2011 quasi un italiano su tre (29%) ha letto la posta sul suo cellulare, in aumento rispetto al 2010 (18%).

Per le aziende che fanno uso di e-mail marketing per raggiungere e colpire i propri clienti, i quali sono maturi, consapevoli e sanno muoversi sempre meglio in rete, è molto importante la pertinenza, inviare il messaggio giusto al momento giusto e alla persona giusta!!
 E’ meglio spedire meno messaggi, ma più pertinenti e con un reale valore aggiunto.

Fonte http://www.corriereinformazione.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1